Invictus – L’invincibile.

2 03 2010

2/03/2010 – Invictus – L’invincibile (Clint Eastwood)

Questo è l’ennesimo film di un regista che ormai sta producendo film che sanno toccare l’animo dello spettatore, nonostante non sia più un giovincello e nonostante quando era un attore non era così altrettanto bravo.

Il tema di questo film è ovviamente molto particolare ed attuale, anche se si riferisce agli anni dell’insediamento di Mandela come presidente del Sud Africa.

Al di là dei fatti in se, è particolare come qui si dimostra l’importanza delle piccole cose comuni (come una semplice partita di rugby, uno sport nazionale in un campionato del mondo) per cercare di sconfiggere le diversità razziali che per decenni hanno devastato un grande paese come il Sud Africa.

Come i pregiudizi, poco importa di chi e di che colore sono, sono sempre contrari e nemici del buon vivere e questo impegno è stato di certo uno dei maggiori che Mandela ha dovuto e voluto intraprendere nel suo Paese, anche e soprattutto dopo aver passato ben oltre 25 anni in una cella in segregazione razziale.

L’attore Morgan Freeman è stato voluto espressamente da Nelson Mandela per raccontare questo immane lavoro, diciamo anche che non poteva essere diversamente, non c’era attore migliore per questo ruolo, anche se ho trovato inutile il trucco per renderlo ancor più somigliante (il cast ed il trailer).

La partita ed il rugby non sono il principale obbiettivo, non serve conoscerne le regole, è quello che non si vede che conta stare attenti; personalmente trovavo più corretto mettere lo spettatore al corrente della devastazione interna del protagonista, non tutti conoscono la storia della sua famiglia, la moglie i figli, qui si nota solo una grande solitudine familiare, che a volte lo soffoca, senza però distoglierlo dal suo impegno.

Ho notato un netto miglioramento nell’attore Matt Damon, ormai in una parte difficile, tra il leader della squadra nazionale, quindi con le sue responsabilità anche verso la Nazione, e la sua realtà quotidiana, quella di un comune ragazzo.

Un bel film, anche se classico, ma non mi ha mai stancato, anche quando la retorica sembra farla da padrona (voto 7).

Le locandine, i cast, i trailer sono stati tratti dal sito tematico www.mymovies.it,
mentre le recensioni sono solo personali punti di vista.

Bye Maurizio


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: