Rivolto(UD) – 50° anniversario delle Frecce Tricolori.

14 11 2010

10/09/2010 – Km 49.172

Nonostante tutte le buone intenzioni, anche questo sarà un we all’insegna del viaggiare in solitario, Marta non è riuscita a liberarsi con il lavoro ed io ho voglia di rivedere i miei “compagni di merende“, è un pò che non ci si vede e l’inverno è ormai prossimo alle porte.

Parto da casa tranquillo verso le ore 15,30, con me ho tutto il necessario per la sopravvivenza, la strada è tranquilla fino a Padova, dove trovo un forte rallentamento.

Una rapida passata al canale 5 del CB e scopro dai camionisti che dopo Padova Est c’è un grande tamponamento: 6 auto ed un furgone ribaltato; nulla che possa risolversi velocemente, così esco sulla provinciale a Padova Est.

Essendo ormai le 17,30 inevitabilmente trovo il traffico locale dovuto all’uscita dagli uffici; questo mi fa ritardare moltissimo sulla tabella di marcia, ma non importa, non ho nessuna fretta.

Arrivo allo stesso parcheggio dell’anno scorso (diario) opportunamente preparato e riservato da Isidoro che, abitando vicino, è venuto in auto, ma ha transennato lo spazio necessario per la sosta; sono le ore 20, al Km. 49.516 ().

Essendo l’ora di cena stanno organizzando le tavolate all’interno del camper di Marco Gnomo, incredibile come le due dinette riescano a contenere tutti noi 7, purtroppo la voracità e la fame ci hanno impedito di immortalare l’evento.

Il trailer ufficiale della manifestazione di domani.

La serata si chiude con le solite quattro chiacchiere sui mesi passati e le ferie godute, oltre a salutare chi deve tornare a casa per la notte.

11/09/2010

Mi sveglio alle ore 7,30, sento già le voci di Ivana ed Isidoro e così scendo anch’io per salutarli; ci prepariamo per la camminata verso la base delle Frecce Tricolori, non è molto lontano, ma è sempre una passeggiata; il tempo è bello e di sicuro il sole si farà sentire.

La nostra postazione.

Ne manca solo uno.

Davanti a noi c’è una villetta dove in settimana c’è stato un matrimonio, ci sono ancora i segni sull’asfalto, ovviamente in dialetto locale, mentre ora c’è il cartello di Isidoro che delimita il posto per i nuovi equipaggi che arriveranno in mattinata, grazie allo speciale pass ” verbale” che è stato loro dato, sempre da Isidoro, per passare il blocco sulla statale.

I nuovi parcheggi.

Il comune di Codroipo è confinante con Rivolto e si è dotato di una migliore ricezione dei camperisti, vengono utilizzati altri spazi di verde per la sosta ed il capannone per mangiare è stato ingrandito.

Il posto riservato.

Le strade attorno sono state bloccate già da alcune ore e seguiamo il lungo serpentone di persone che stanno andando a piedi verso la base; le piogge dei giorni scorsi hanno reso un pò inagibile il sentiero, ma nulla di così pericoloso.

I metal detector all'ingresso.

Arriviamo alla base e ci si accorge subito delle nuove postazioni per la sicurezza: ci sono i metal detector da cui tutti devono passare, zaini e borse comprese, così come vengono fatti lasciare sul posto anche gli ombrelloni.

Un elicottero militare ...

... dal davanti ...

... un particolare dell'interno.

Normalmente l’ingresso alla base militare è il 1° maggio che, oltre ad essere il compleanno di Brig, sancisce l’apertura della stagione delle Frecce Tricolori, mentre oggi si festeggia il loro 50° anno di fondazione, pertanto anche le esposizioni saranno diverse e dedicate solo a questo evento.

Un solitario.

Un missile espositivo.

Sono esposti solo pochi mezzi e qualche pezzo particolare di interesse, mentre la giornata sarà totalmente dedicata alle evoluzioni di molti altri gruppi di altri paesi (programma), ovviamente lasciando per ultime le evoluzioni delle Frecce Tricolori.

Il gruppo polacco che sfila ...

Mentre le persone continuano ad entrare, c’è già una grande folla di spettatori, tutti con il naso alzato in aria: ogni tanto c’è un’evoluzione di qualche solitario in volo.

... e poi in formazione.

Il contributo filmato da Brig:

La pattuglia polacca in volo.

Ancora i polacchi.

Gli spagnoli si preparano.

Presto iniziano a comparire i primi velivoli, pronti per decollare in schieramento; passano davanti a noi e ci salutano prima di chiudere il cupolino per prepararsi al decollo in formazione.

Il C271 Spartan in volo.

... ancora il C271 ...

La pattuglia svizzera si prepara.

L’atmosfera è elettrizzante, siamo tutti sotto il sole, ma non lo si sente ancora, le compagini straniere vengono accolte con un pò di scetticismo, ma poi è bello vedere come ci si possa ricredere: sono tutti davvero bravi.

Il C271 a terra.

Gli svizzeri in volo.

La pattuglia francese in volo.

Ci sono addirittura delle nazioni come la Giordania che partecipano con un solo velivolo, ammirevole anche solo l’intenzione di partecipare ad una kermesse di questo calibro.

La figura del cuore dei francesi.

Un tornado.

Le nostre Frecce Tricolori si preparano.

E’ curioso vedere come si sta con il naso per aria per così tanto tempo, anche i bimbi sono meno pestiferi; ogni tanto gira un gruppo di 3 soccorritori della Croce Rossa, sono pronti ad ogni minimo accenno di malore e considerato quanto pesa quello zaino di soccorso, è ammirevole la dedizione.

L'elicottero AB212 con la bandiera.

Il fumo tricolore a terra ...

... il passaggio in volo.

Proseguiamo ininterrottamente a seguire lo svolgersi delle evoluzioni, poi verso le ore 13 c’è una pausa, ci rifugiamo sotto uno sparuto alberello, assieme ad un altro migliaio di persone.

Il passaggio del solista capovolto.

Altre evoluzioni in volo.

Sbadatamente non ci avevo pensato al pranzo, così usufruisco di un panino gentilmente offertomi dai miei compagni di gita; questo è un punto negativo alla mia organizzazione in solitaria.

La treccia di fumo.

Dopo un’interminabile coda per prendermi un caffè, verso le 15 riparte la manifestazione, si alternano compagini straniere a velivoli italiani, puntualmente assistiti dallo speaker che ci tiene perfettamente informati.

Brig sul monopattino a motore.

Verso le ore 16 iniziano le Frecce Tricolori, accolti da un’ovazione diffusa per tutta la larghezza del fronte degli spettatori; lo sapevamo fin dall’inizio che sarebbero stati i migliori, ma è più bello accorgersene sul campo, o meglio in cielo, sulla loro base storica.

Da fermo.

Il rientro ai camper è lento, c’è qualcuno che è già andato via nel pomeriggio, ma sono ancora molti ad essere in fila per il ritorno; tutto sommato noi siamo in un’ottima posizione, arriviamo presto e non dobbiamo neanche fare molto per prepararci per andarcene.

La cena a Teglio Veneto.

Assieme ai nostri camper, troviamo Brig che sta facendo un’ampia dimostrazione della sua ultima invenzione: il monopattino a motore.

La nostra tavolata.

Tutto rigorosamente auto costruito con pezzi vari, ma il bello è che è perfettamente funzionante.

Verso le ore 18,30 ci mettiamo in marcia per arrivare a Teglio Veneto alle ore 20, parcheggiamo tranquillamente nel cortile di una villa antica, anche questa location è stata perfettamente organizzata da Isidoro per noi; sono al Km. 49.544 ().

Siamo qui perché c’è una festa locale e possiamo cenare con piatti tipici della zona, comodamente seduti sotto ad un capannone predisposto.

Il capannone e Brig.

Mangiamo bene, la tavolata è piccola per tutti noi, per questo Brig si posiziona vicino a noi con altri amici.

Nel dopocena facciamo anche una passeggiata per il paese, ma inizia a farsi tardi e così decidiamo di incamminarci per l’ultima tappa: casa di Isidoro.

Purtroppo per altri impegni, Gnomo e Brig con le rispettive mogli devono fare ritorno a casa, così a ranghi ridotti arriviamo alle ore 23 ad Azzano Decimo; una chiacchierata veloce e poi tutti a dormire.

12/09/2010

Mi sveglio alle ore 8, nel cortile c’è già fermento e così in breve mi aggrego alla compagnia; è una bella giornata di sole, si sta bene ed Isidoro ci illustra le tante novità nei loro paraggi.

Il laghetto a fianco alla casa.

Per il momento non c’è ancora un nome valido, ma diciamo che il laghetto “Sereno” è già quasi ultimato, è facile immaginarlo con gli alberi cresciuti attorno e l’ombra fresca; ora è ancora un pò presto, ma ni non abbiamo nessuna fretta.

Il parcheggio nella AA di Azzano Decimo.

Non ci vuole molto a venire l’ora del pranzo, in attesa del momento assistiamo ad Isidoro che prepara la legna per l’originalissima griglia, rigorosamente auto costruita, come quasi tutto nei paraggi.

La portentosa griglia.

A pranzo poi vengono servite le carni in tutte le maniere possibili, ottimamente preparate alla brace, purtroppo per chi guida c’è il tormento di non poter accompagnare il cibo con il buon vino, perché di una cosa si può stare sicuri: qui il vino è eccellente, come tutto il resto dell’ospitalità.

Il laghetto con gli alberi attorno.

Verso le ore 14,45 Valerio con Roberta ed io prendiamo il largo per il ritorno alle nostre rispettive case, mentre Rolando e Giuliana rimangono, partiranno con più calma domani.

In autostrada Valerio, Roberta ed io ci teniamo compagna con il CB, poi inevitabilmente, le nostre strade si dividono; arrivo a casa in tranquillità e senza traffico alle ore 18,45, sono al Km. 49.863 e sono contento di aver potuto ancora incontrare delle stupende persone.🙂

Il percorso ()

o-o-o

Statistiche:

Percorso Km 691
Gasolio 115,00
Telepass 34,50
Pernotto 0,00
Biglietti visite 0,00
Biglietti mezzi 0,00
Sosta 0,00
Pranzo / Cena 18,00
Bibite / Gelati 3,50
Altro 0,00
Totale 171,00
Media Km/lt 7,10

Bye  Maurizio


Azioni

Information

5 responses

14 11 2010
brigsuper

fantastico, mi sento anche importante, ….avete capito il perchè resto sempre nelle retrovie, …intanto poi c’è il diario, esaudiente, particolareggiato, e delucidante.
Grazie Mauri!!!!!!!!!!!

14 11 2010
maurito54

Ma scherzi Brig?
Le retrovie sono importantissime, tanto quanto gli avan posti.

Grazie per la visita!

Bye Maurizio

15 11 2010
Isidoro

potevo anche fare a meno di venire…. tanto c’ era il diario ! !🙂
Grazie Maurizio
ciao Isidoro

15 11 2010
rolando

Bello come al solito Maurizio.
Ormai Brig non ce la fa da solo nelle retrovie,allora ho pensato bene
di rinforzarle ahah
Ciao e grazie
Rolando

15 11 2010
maurito54

x Isidoro
Non era possibile una tua defezione, non sarebbe stato “Rivolto”.

X Rolando
E’ indispensabile che le retrovia non rimangano sguarnite.

Grazie ad entrambi per la pazienza e la partecipazione.

Bye Maurizio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: