Hereafter.

30 01 2011

29/01/2011 – Hereafter – (Clint Eastwood)

Anche questa volta il Grande regista vuole trattare un tema molto particolare, apparentemente banale, ma che da sempre ha attirato la mente umana, senza mai riuscire a dare una risposta.

Che cosa c’è nell’aldilà?

Per accompagnare lo spettatore in questa domanda impegnativa, alla ricerca di una risposta, inventa una trama molto coinvolgente: addirittura ci fa vivere la tremenda esperienza di uno tsunami in piena regola, tanto da mettere la tensione addosso fin dai primi minuti, coinvolgendo la platea in modo pieno e totale.

Assistiamo impotenti al dramma che sta vivendo la protagonista Marie Lelay; così come si resta impotenti davanti al dramma che già stanno vivendo i gemelli Marcus e Jason, soli con una madre disastrata, ma che subiscono in più l’orrore di un incidente che lascia Marcus in balia del mondo intero.

Se poi aggiungiamo il dramma di George Lonegan (Matt Damon), un sensitivo vero che cerca di combattere inutilmente contro la sua strana capacità di percepire e contattare chi è nell’aldilà, al solo tocco delle mani, lasciandolo poi così turbato nella sua vita reale, a questo punto la miscela è pronta ed il film prende corpo, fermandosi proprio quando lo spettatore cerca la soluzione, impossibile come nella vita reale.

Questa per me è stata la grande capacità di Clint Eastwood, raccontare una storia al fine di far scaturire una domanda e non dare lui la risposta, ma lasciando che il singolo spettatore possa continuare a fantasticare per conto suo.

Per me poi c’è ancora una lettura diversa: tutti i protagonisti sono in preda ad una propria difficoltà nella vita reale, persino Marie, che sembrava all’apice della sua carriera, non sa quanto sia finta questa sua certezza, ci vuole uno tsunami che la porta oltre la vita per farle accorgere del mondo in cui vive e della falsità che la circonda.

La sofferenza profonda di Marcus, che non riesce a trovare nessuno che lo possa comprendere veramente, come faceva il fratello gemello, senza poter conseguire l’obbiettivo che si erano prefissati di “avere una famiglia normale“, entra in perfetta sintonia con il dramma di George, che non vede il suo potere come un dono, ma come un disagio profondo, che gli pregiudica una vita normale, sia sentimentale che familiare, con il fratello Billy (Joy Mohr) che vorrebbe sfruttare questo potere per scopi economici (il cast ed il trailer).

Unico difetto per me è stata la scelta di mantenere il dialogo di Marie in francese, così da avere il sottotitolo in italiano che spezza un pò il ritmo; comprendo che potrebbe essere una scelta anti-pirateria, ma non mi è piaciuta.

Questo è un bel film, con una trama molto particolare, che non fa pesare per nulla i 130 minuti, non lascia mai solo lo spettatore, anche se lo fa uscire con molti pensieri e nessuna soluzione sulla domanda iniziale (voto 8).

Le locandine, i cast, i trailer sono stati tratti dal sito tematico www.mymovies.it,

mentre le recensioni sono solo personali punti di vista.

Bye Maurizio


Azioni

Information

3 responses

31 01 2011
diomede917

Ciao Mao eccoti la mia recensione

Può essere una banalità o forse retorica ma la prima frase che mi è venuta in mente dopo la visione di “Hereafter” è stata “il regista con maggiore sesto senso ha fatto il suo sesto senso”.
E’ incredibile il fiuto di Eastwood a trovare storie intense e coinvolgenti e allo stesso tempo diversificate nei generi. In questo caso entra nel terreno pericoloso dell’ultraterreno e la cosa che fa più pensare che questo arzillo vecchietto non sbaglia un film.
Questa volta lavora su commissione e che commissione visto che traspone una sceneggiatura di Peter Morgan, lo sceneggiatore inglese del momento grazie alle sue opere politiche su Tony Blair e Nixon (e anche qui c’è il tentativo di intaccare l’icona di Mitterand), il quale firma una storia in stile Kiesloski con tre mondi paralleli legati solo dalla ricerca di sapere cosa c’è dopo la morte che inevitabilmente sono destinati ad incontrarsi.
Abbiamo Marie un’anchorwoman francese che sopravvive miracolosamente allo Tzunami thailandese ma per un minuto ha avuto la visione dell’aldilà, Marcus un ragazzino inglese con madre tossica che non riesce ad elaborare la tragica perdita del suo gemello e a S.Francisco vive il sensitivo Matt Damon che ha il dono di vedere la “Gente Morta” ma che vive come maledizione e si chiede quale è il vero senso della vita.
Eastwood dirige in modo diligente e rispettoso, lasciando la scena ai suoi splendidi protagonisti seguendoli nei loro dubbi e nella loro ricerca di una risposta alle loro domande.
Questo non vuol dire che la sua mano non ci sia anzi come nelle rappresentazioni drammaticamente umane dello tsunami o dell’attentato alla metropolitana di Londra che evitano intellegentemente i catastrofismi alla Emmerich.
Ma quello che ricordo ancora adesso mentre scrivo questa recensione è la poesia che ci mette nell’ultima premonizione accompagnata dalla sua splendida musica.
Sarà che l’epilogo si svolge a Londra patria dei Beatles ma credo che per metabolizzare la morte l’unica cosa possibilie è “All you need is love”
Voto 8/9

31 01 2011
maurito54

Grazie Pietro, non poteva mancare il tuo parere autorevole.

Bye Maurizio

27 02 2011
I film visti. « … e s c u r s i o n i . i t i n e r a n t i . c o n . i l . C a m p e r …

[…] Hereafter – (Clint Eastwood) – 29/01/2011. […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: