Il cigno nero.

27 03 2011

26/03/2011 – Il cigno nero – (Darren Aronofsky)

Ho volutamente sentito solo marginalmente i commenti su questo film, la cui trama si è ispirata sull’ormai ultra nota storia de “Il Lago dei cigni“.

Da ricordare anche che non sono un avido appassionato del balletto classico, anzi, però ho visto questo film con molto interesse.

Fin dall’inizio il regista è stato bravo a farci conoscere la protagonista nel suo mondo di casa, dove la madre la travolge e la soffoca nella crescita.

Questa ragazza, Nina (un’ottima Natalie Portman), non riesce ad avere una sua vita, non solo privata, ma anche pubblica , succube di una madre con una carriera artistica nel ballo tarpata, proprio per la nascita della figlia, facendoglielo continuamente pesare ed aggiungendo un altro senso di colpa agli altri che già ha.

Da qui penso si possa comprendere quanta fatica, non solo fisica e mentale, ma soprattutto psicologica lei debba subire; Nina ottiene la parte nel balletto dei due cigni, con delle perfette evoluzioni per il cigno bianco, ma senza la necessaria passione, sentimento indispensabile per interpretare il cigno nero, netto contrapposto a quello bianco.

Man mano che il film prosegue, lo spettatore viene immerso in dimensioni diverse, spesso lontane dalla realtà, tanto da far perdere l’orientamento, non solo allo spettatore, ma anche a Nina stessa, sempre più in preda al panico nel difficile tentativo di controllare la sua parte oscura.

Devo dire che il ruolo del coreografo Korolyevna (Vincent Cassel) è molto discutibile: ben si intuiscono il giusto sprone che vuol dare alla ragazza per superare l’impasse, ma è molto discutibile nell’approfittarsi del ruolo di potere che ha e che non dovrebbe utilizzare.

Durante la visione, ansia e colpi di scena s’intrecciano perfettamente, rendendo il film per nulla noioso, ben trasmettendo l’ansia e la frustrazione di Nina, soprattutto nella contesa finale con la meno brava, ma più spregiudicata compagna di ballo Lilly; anche questa ottima interprete del suo ruolo di provocatrice.

Tutti gli attori sono stati in pieno nella parte, anche quando spesso sono portati fuori dalla realtà, ma sempre presenti sulla scena (il cast ed il treiler).

Ho trovato anche una mia interpretazione di questo film: come se il regista volesse spronare il genere femminile a non farsi catturare solo della realtà della vita, dove la tecnica potrebbe aiutare a superare spesso gli ostacoli difficili e quasi insormontabili; ma di far uscire sempre la passione ed utilizzare questa come forza per essere se stesse e raggiungere l’obbiettivo con più soddisfazione (voto 7).

Le locandine, i cast, i trailer sono stati tratti dal sito tematico www.mymovies.it,
mentre le recensioni sono solo personali punti di vista.

Bye Maurizio


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: