This Must Be the Place.

30 10 2011

29/10/2011 – This Must Be the Place – (Paolo Sorrentino)

Era un pò di tempo che tenevo l’occhio puntato su questo film, non tanto per la trama che volutamente avevo cercato di schivare, ma per l’attore protagonista.

Infatti in questo film Sen Penn, a mio giusdizio, è stato davvero grandioso, un’interpretazione davvero difficile, una necessità di una inespressione monotona, ma con un personaggio di un inaspettato profondo carattere e pensiero.

All’apparenza Cheyenne, la vecchia rock star protagonista, risulta subito ridicolo e nostalgico, ma ben presto si scopre quanto sia imprigionato in quel che era, con una voglia impressionante di ritornare ad essere quello che realmente è.

Purtroppo la prima parte del film l’ho trovata di una lentezza esasperante, a mio modesto parere, poteva essere meno pesante, anche se si voleva dare una giusta collocazione dello stato mentale di Cheyenne, che vive di rendita di ciò che è stato, di responsabilità, oltre che di ricordi, anche tristi.

Per fortuna, dalla notizia della morte del padre e dalla sua partenza per il funerale, il film cambia ritmo e volto, facendo risvegliare, non solo lo spettatore, ma anche il personaggio principale.

Quando poi scopre chi era veramente il padre, i suoi pensieri, le sue ossessioni, diventa un Cheyenne totalmente diverso, con lo stesso sguardo spento, ma un carattere enormemente più forte, anche se sempre aggrappato al trolley o a qualsiasi  cosa abbia le ruote, come ad avere paura della vita stessa.

Il cast non l’ho trovato particolarmente interessante, ognuno con un piccolo ruolo per nulla impegnativo, forse la moglie Jane ha un ruolo un pò più vicino, in fondo è l’unica che gli vive accanto da quasi 30 anni, spronandolo sempre, anche nella sua depressione (il cast ed il trailer).

Ho trovato questo film, il cui titolo è un brano dei Talking Heads, davvero interessante, come a voler dimostrare che con una giusta causa, si può risvegliare chiunque, da qualsiasi forma depressiva, basta dargli la giusta motivazione.

Soprattutto che sia la persona stessa a trovarla, sempre che sappia avere ancora un briciolo d’interesse per il mondo che la circonda e per le persone che gli stanno vicine e che la amano (voto 7).

Le locandine, i cast, i trailer sono stati tratti dal sito tematico www.mymovies.it,
mentre le recensioni sono solo personali punti di vista.

Bye Maurizio


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: